Home > Blog > Il vin brûlé come fonte di calore

Un classico d’inverno di puro successo

La nostra ricetta segreta

Categoria: Cucina19.01.2021

I tempi freddi richiedono bevande calde, ad esempio il vin brûlé. Il classico tra le bevande invernali ha il miglior sapore se fatto in casa.

Quale modo migliore per trascorrere piacevolmente l’attesa che vi separa dalla vostra prossima vacanza nel nostro hotel in Alto Adige a 4 stelle, se non sorseggiando del fumante di vin brûlé? Vi sveliamo la nostra ricetta preferita per la stagione fredda. L'ingrediente principe è il vino, indiscutibilmente un rosso secco dell'Alto Adige. Naturalmente il successo della bevanda deriva dall’essere fatta in casa e raffinata con un pizzico d'amore. Vi serviranno poi un'arancia (bio), un bastoncino di cannella, tre chiodi di garofano e anice stellato. Accompagnate il Lagrein o il Pinot Nero con fette d'arancia e spezie e mescolate tutto insieme in pentola. Portate a bollore il composto per tre minuti a circa 80 gradi e poi lasciate raffreddare il vin brûlé per un'ora. A seconda dei vostri gusti potete aggiungere più dolcezza con un po' di miele. Poco prima di servire, riscaldate di nuovo la vostra profumata miscela, versatela attraverso un setaccio e poi niente, non dovete far altro che attendere il vostro soggiorno allo Schwarzenstein con un caldo bicchiere di vin brûlé tra le mani.

Attenzione:

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.